dueincucina.it
uva.jpg

baba14 Il babà è un dolce meraviglioso. Si presenta magnificamente è buonissimo e d'effetto. L'Artusi sul suo libro "La scienza in cucina e l'arte di mangiar bene" dice a proposito del babà "Questo è un dolce che vuol vedere la persona in viso, cioè per riuscire bene richiede pazienza ed attenzione". La sua ricetta però è un pò diversa da quella che scriverò in quanto il dolce dell'Artusi non è bagnato e ha, tra l'altro, come ingredienti uva passa e canditi. La ricetta che normalmente uso per fare questo dolce è di Elisabetta C. con piccole modifiche da parte mia.

Ingredienti:
- 370 gr. di farina Manitoba
- 80 di burro a temperatura ambiente
- 60 gr. di zucchero
- 5 o 6 uova separate
- 12 gr. di lievito di birra
- i semi di una bacca di vaniglia
- un pizzico di sale
- la scorza grattugiata di un'arancia e di un limone
per la bagna:
- 1 litro di acqua
- 400 gr. di zucchero
- 2 bicchierini di rum
- la scorza di un'arancia e di un limone

Procedimento: sciogliere il lievito di birra in 30 gr. di acqua tiepida, mescolare 25 gr. di farina con il lievito sciolto, coprire e farlo lievitare per mezz'ora. Nella ciotola della planetaria versare le chiare sbattute con una forchetta, impastare con un pò di farina servendosi di un cucchiaio, far riposare per 30 minuti. Trascorso il tempo unire il lievitino all'impasto di chiare azionare il gancio a velocità 1,5 e aggiungere poca farina. Versare i tuorli uno alla volta alternando con cucchiaiate di farina. Dopo il secondo tuorlo aggiungere lo zucchero, dopo il terzo il sale. Continuare ad impastare. Quando la pasta si sarà incordata, cioè quando si sarà avvolta sul gancio, iniziare a mettere il burro a pezzetti, poco alla volta. Lavorare fin quando la pasta sarà diventata elastica come un chewing-gum. Mettere a lievitare in una ciotola unta di burro per circa un'ora. Imburrare uno stampo da babà e riempitelo per 1/3 della sua capienza, mettetelo a lievitare in un luogo tiepido coperto a campana fin quando la pasta avrà raggiunto il bordo dello stampo. Cuocete in forno a 165 gradi per 30 minuti.

Per la bagna far bollire l'acqua con lo zucchero e le scorze degli agrumi, lasciar intiepidire e mettere il liquore. Per bagnare il babà uso questo sistema: quando il babà è freddo lo rimetto nello stampo, e metto lo stampo in una ampia teglia da forno. Inizio a versare la bagna calda, quando l'ho versata tutta metto un vassoio piatto sul babà e lo rovescio, lo metto su una grata che sta dentro una contenitore ampio. Uscirà dello sciroppo che raccolgo e con il quale continuo a bagnare il babà. Il dolce sarà bagnato a dovere quando premendo con il dito un punto sulla superficie ne uscirà lo sciroppo. A questo punto si procede alla lucidatura con della gelatina scaldata e un pennello, la lucidatura serve per impedire l'evaporazione dello sciroppo. Tenere il dolce in frigo fino al momento di servire. Si può servire con crema chantilly e amarene Potete prepare il babà anche 3-4 giorni prima di servirlo e bagnarlo il giorno prima. Per questa dose serve uno stampo di 28 cm.

baba01 baba02 baba03 baba04 baba05 baba06 baba07 baba08 baba09 baba10 baba11 baba12 baba13 baba14