dueincucina.it
ciliege.jpg

pescebale01

E' un pesce marino originario dell'Atlantico tropicale, che di tanto in tanto viene pescato sulle coste del meridione, dove è anche chiamato pesce porco. Ha una forma caratteristica, schiacciata lateralmente e vagamente romboidale, con una pinna dorsale spinosa che può rizzarsi a scatto (e che forse ha dato al pesce il suo nome); la pelle è spessa e coperta di losanghe cornee che creano una specie di corazza. Ha una taglia media di cm. 30 di lunghezza.

Bisogna aggiungere che non è poi così difficile trovarlo in pescheria, noi lo troviamo abbastanza spesso, il problema è che non è semplice da pulire in quanto, stante la "corazza" bisogna letteralmente scuoiarlo. Vi garantisco però che come gusto è molto buono e delicato, e i filetti che se ne ricavano sono senza spine. Sui mercati italiani si trova solo occasionalmente nelle località di pesca. La sua carne è abbastanza apprezzata.  (da "Grande enciclopedia illustrata della gastronomia" di Marco Guarnaschelli Gotti) I filetti si possono cucinare alla mugnaia, ossia infarinati leggermente e ripassati nel burro. Altra ricetta che trovate qui è: ravioli di pesce balestra.

 

pescebale01 pescebale02 pescebale03 pescebale04 pescebale05 pescebale06

Un modo originale per cucinare il pesce balestra è preparare dei ravioli, leggi la ricetta:

Ravioli di pesce balestra

raviolibale03 Trovare il pesce balestra, detto anche pesce porco, non è facile. Il nostro pescivendolo di fiducia qualche volta ce l'ha e allora corriamo a prenderlo. Il modo migliore per cucinarlo è sfilettarlo e cuocere i filetti nel burro, ma domenica, con Aurora, abbiamo preparato dei ravioli ripieni di pesce balestra e gamberi conditi con una vellutata. Il risultato è stato un piatto molto delicato....+leggi tutto