dueincucina.it
peperone.jpg

corsovale06 Ormai è tempo di cominciare a pensare ai menù delle feste, nelle famiglie si comincia a decidere chi va, chi resta, chi viene. Da noi il pasto più importante delle festività di fine anno è la cena della vigilia di Natale fatta tutta  rigorosamente di pesce. Il giorno di Natale di solito siamo solo in due e il pranzo si basa su un'unica portata particolarmente golosa e un'ottima bottiglia di vino. Iniziamo a parlare di antipasti, i più classici sono i patè: di fegato, di tonno e di salmone.

In un menù che si rispetti non se ne può proporre soltanto uno sia per variare i sapori sia per accontentare tutti, questo che sto per proporre è un patè di fegatini di pollo, la ricetta è di Valentina Gigli e anche la decorazione infatti la foto l'ho scattata durante il suo corso, però il patè poi l'ho rifatto a casa ed è venuto molto buono. Sono intenzionata, a breve, a rifarlo sostituendo i fegatini di pollo con il fegato di vitello.

Ingredienti:
- gr. 800 di fegatini di pollo
- 1 cipolla rossa
- 1 manciata di capperi
- pasta di acciughe o acciughe sott'olio
- un bicchierino di marsala
- brodo vegetale q.b.
- olio extr.oliva
- sale e pepe

Procedimento:
Lavate bene i fegatini e fateli a pezzetti, velate di olio una padella e mettete a stufare la cipolla tagliata sottile, aggiungete se necessario poco brodo e dopo dieci minuti aggiungete i fegatini e fateli rosolare. Aggiungete il vino e fate evaporare, bagnate con il brodo e portate a cottura, ci vorranno massimo quindici minuti, salate e pepate. Aggiungete capperi e acciughe e poi tritate tutto nel robot, se necessario aggiungete ancora un pò di brodo. Foderate con la pellicola uno stampo a semisfera, riempite con il patè, chiudete con la pellicola sbordante e mettete in frigo per qualche ora. Prima di servire, sformate il patè su un piattino sul quale avrete già disposto delle foglie di lattuga, decorate a piacere con ribes, pomodorini, erba cipollina. Non so con precisione per quante persone possa bastare questo patè, dipende dalla richezza del menù, dalla fame degli invitati, ma ritengo almeno per 12.

{jcomments on}