dueincucina.it
caffe.jpg

Dolci

gelaplom06.jpg Eccomi di ritorno dopo una lunga e forzata assenza dovuta al lavoro. Ritorno con una splendida ricetta: il gelato Plombière. Antica ricetta  trovata sulla ormai datata enciclopedia "la mia cucina" che, nonostante gli anni, consulto sempre con grande piacere. Incuriosita dal nome ho fatto una breve ricerca sull'origine di questo gelato e ho trovato che è stato creato da Alessandro Tortoni alla fine dell'800.

cannocrema07 Spesso con gli avanzi si fanno delle ottime cose, avevo un avanzo di pasta sfoglia, e dovevo consumare mezzo litro di panna, cosa fare? I cannoli ripieni di crema, deliziosi! Per la crema ho usato solo panna, ma potete usare solo latte o metà latte e metà panna. La ricetta della pasta sfoglia la trovate qui.

coppaimpe01 Un delizioso gelato alla vaniglia reso ancora più goloso dall'aggiunta di pezzettini di  marrons glacès e cioccolato fondente, servito con panna montata e violette candide. Le violette candite non sono di facile reperibilità, a Roma non riesco a trovarle, il mio fornitore ufficiale è il mio amico e collega Pietro che me le manda da Milano. Comunque il gelato è squisito anche senza.

kranz08 E' un dolce tedesco molto ricco e sostanzioso, specialità di Francoforte. La ricetta originale prevede l'utilizzo della pasta sfoglia e della pasta brioche messe a strati intervallati da uvetta e canditi, si può realizzare un unico dolce oppure più dolcetti di piccole dimensioni. La quantità di burro richiesta per questa preparazione è  veramente notevole: una sagra del colesterolo, le sorelle Simili però hanno realizzato una ricetta in cui la quantità di burro è contenuta in quanto questi squisiti dolcetti sono fatti con la pasta brioche sfogliata. Da parte mia ho fatto delle piccole modifiche che hanno reso i kranz ancora più golosi.

sinfociocco09.jpg Un dolce squisito e particolare, tutto giocato tra i sapori del cioccolato e delle nocciole, con una nota di rum.La ricetta è di Roberto Saluzzi, violinista, professore d'orchestra dell'Accademia di Santa Cecilia pubblicata sulla rivista "La Cucina Italiana" di novembre.